2 September 2014

Obama e i cambiamenti climatici

Obama e i cambiamenti climaticiCon Bush, in un certo senso, era tutto più facile – scrive provocatoriamente Paul Krugman – “l’ex-presidente e i suoi alleati al Congresso portavano il paese in un direzione

talmente sbagliata che ci si poteva opporre a qualsiasi iniziativa della sua amministrazione.”

Questa è la premessa che Krugman provocatoriamente pone per commentare le iniziative dell’amministrazione Obama in tema di contrasto al cambiamento climatico, di salvaguardia dell’ambiente e riduzione dell’inquinamento, di fonti di energia rinnovabili, di sviluppo sostenibile – si tratta in particolare del Waxman-Markey energy and climate bill attualmente in discussione.

Con la nuova presidenza, invece, “sorretta da una coalizione alquanto precaria di progressisti e centristi, è decisamente più difficile assumere una posizione. Ogni policy, infatti, tende ad andare nella direzione auspicata, salvo poi disattendere ciò che si era sperato. Tanto, che la questione è divenuta: quanti compromessi, attenuazioni, si è disposti ad accettare.”

 

Link correlati

The New York Times, Paul Krugman, The Perfect, The Good, the Planet
The Wall Street Journal, Chamber of Commerce Details Opposition to Waxman-Markey Bill

Committee on Energy and Commerce Chairmen Waxman Markey Release Discussion Draft of New Clean Energy Legislation

A cura di Alessandro FanfoniCentro di Formazione Politica

 

Print Friendly