Blockchain, dall’identità digitale alle tasse. Ecco come può cambiare i processi

blockchainFonte: Key4biz

Il settore pubblico è considerato, patient secondo gli esperti, view fra i maggiori beneficiari potenziali dell’avvento della tecnologia blockchain. La pensa allo stesso modo Ravi Kumar S, Presidente e vice responsabile operativo di Infosys che come riporta il sito specializzato Coindesk.com ha individuato quattro settori specifici nei quali l’applicazione della blockchain potrebbe migliorare le cose.

Ecco quattro ambiti potenziali di applicazione in cui la blockchain può migliorare i processi pubblici:

Identità digitale

 

La blockchain può trasformarsi in uno strumento tecnologico affidabile per l’identificazione dell’identità digitale di un individuo.

Ogni cambiamento all’interno della blockchain deve conformarsi a regole ben definite. Tutti i nodi, che si possono diffondere lungo la rete, non fanno altro che confermare queste regole certificando l’identità delle parti che effettuano la transazione.

Una volta conclusa la transazione, il libro mastro pubblico viene aggiornato in maniera permanente in un record immodificabile di dati.

Tasse

Secondo l’esperto, la blockchain è uno strumento che potrebbe tagliare radicalmente il fenomeno dell’evasione fiscale dando certezza su incentivi e trasparenza.

La blockchain potrebbe inoltre bloccare i fondi in modo tale che fossero spesi soltanto per i capitoli ai quali sono stati destinati.

Ogni singola transazione verrebbe verificata e documentata in tempo reale, con beneficio del contribuente e dell’ente collettore. L’Agenzia delle Entrate potrebbe verificare subito, anche grazie a dati pseudo anonimizzati, se un cittadino ha pagato o no le tasse e garantire inoltre i rimborsi dovuti.

Elezioni

 

I brogli elettorali potrebbe essere praticamente eliminati con la blockchain, perché un sistema di voto basato su questa tecnologia garantirebbe ai cittadini di essere conteggiati come le palline di un pallottoliere. Il loro voto digitale andrebbe ad ingrossare direttamente il libro mastro del loro candidato, la vittoria andrebbe al libro mastro che ha raccolto più voti.

Nessun intermediario necessario per votare, mentre le informazioni necessarie per verificare l’identità del votante sarebbero già contenuta nella catena.

 

Donazioni politiche

Affidare le donazioni politiche alla blockchain consentirebbe di rendere trasparente il donatore e l’entità della donazione su tutta la catena.

Leggi l’articolo su Key4biz.it