Istat: a giugno disoccupati giù all’11,1%, record di occupazione femminile

Parità di genereBuone notizie per il mercato del lavoro: secondo i dati provvisori riferiti a giugno diffusi oggi dall’Istat il tasso di disoccupazione è sceso all’11,1%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto a maggio, collocandosi ai livelli rilevati ad aprile, che a loro volta equivalgono quanto registrato nell’autunno del 2012.

A scendere è anche la disoccupazione tra i giovani dai 15 ai 24 anni, che si attesta al 35,4%, – 1,1 punti percentuali su maggio. La diminuzione della disoccupazione – comunica l’Istat – interessa uomini e donne ed è distribuita tra tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni.

Nuovi occupati tutti con contratto a termine
In crescita, di riflesso, il tasso di occupazione, salito il mese scorso al 57,8 per cento, anche questa una buona notizia per il lunedì che apre l’ultima settimana di lavoro delle Camere prima della pausa estiva. L’incremento è di 0,1% rispetto a maggio (+23 mila unità), con un recuper parziale del calo registrato nel mese precedente (-53 mila). I nuovi occupati di giugno sono riconducibili, sottolinea l’Istituto di statistica, esclusivamente al rialzo dei dipendenti a termine, aumentati di 37mila unità.

Occupazione donne al 48,8%, record dal 1977
In termini di genere la crescita, spiega ancora l’Istat, sarebbe interamente dovuta alla componente femminile: il tasso di occupazione delle donne (15-64 anni) ha infatti raggiunto il 48,8%, il valore più alto dall’avvio delle serie storiche, nel 1977. Aumentano i dipendenti a termine, sono stabili i dipendenti a tempo indeterminato mentre diminuisce il numero degli indipendenti. Nel trimestre aprile-giugno si è registrata una crescita degli occupati rispetto al precedente (+0,3%, +64 mila), determinata dall’aumento dei dipendenti, sia permanenti sia a termine. L’aumento riguarda entrambe le componenti di genere e si concentra quasi esclusivamente tra gli over 50.

Leggi l’articolo su Il Sole 24 Ore